Trichoptera.it

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Metodi di raccolta

Il campionamento delle larve avviene mediante retino per la raccolta di macroinvertebrati acquatici o con la caccia diretta sotto i sassi del fondo. Per il fissaggio del materiale raccolto viene utilizzato alcole etilico 75°.

I Tricotteri adulti vengono campionati mediante raccolte manuali oppure utilizzando una trappola luminosa per le raccolte notturne. Possono essere apprezzabili anche le raccolte fatte sotto i lampioni posti sui ponti che attraversano fiumi e torrenti o nei pressi dei corpi d’acqua.

Per le raccolte manuali nelle ore diurne, si utilizza un retino da sfalcio e un aspiratore per recuperare i tricotteri, l'aspiratore è composto da un boccetta di plastica, sul cui tappo sono presenti due tubi: aspirando dal più lungo si convoglia l'insetto nell'altro tubo, di diametro maggiore, e infine nel boccetta. II tubo più lungo è munito di garza all'estremità inserita nel boccetta per evitare l'entrata degli insetti aspirati.

Le trappole luminose consentono di effettuare campionamenti notturni catturando gli insetti che vengono attirati da una luce.

Le modalità per realizzare una trappola luminosa sono molteplici e dipendono dalle caratteristiche del luogo di raccolta, potendo disporre di energia elettrica è conveniente utilizzare lampade a vapori di mercurio o di wood, dovendo invece operare in luoghi sprovvisti di corrente (la maggior parte) è opportuno fare ricorso a neon funzionanti con batterie a 12 V.

In entrambi i casi trappola è costituita da un secchio di plastica dal diametro di circa 30 cm, sul quale viene posizionato un imbuto di plastica dello stesso diametro per permettere la caduta degli insetti nel secchio. L'imbuto presenta tre strette fessure per posizionare tre lame di plexiglass; esse sono fissate superiormente ad un tappo di sughero, ed hanno la funzione di sostenere la fonte luminosa sopra l'apertura dell’imbuto.

Gli insetti, attratti dalla luce, sbattono sulle lastre di plexiglass e cadono, attraverso l'imbuto, nel secchio, dove rimangono intrappolati in fogli di giornale accartocciati. Sul fondo del secchio viene messo un piccolo contenitore con del cotone idrofilo imbevuto di etere ed avvolto da nylon per evitare che gli insetti vi cadano dentro e si danneggino, all'interno del secchio si crea un ambiente saturo di vapori di etere che intontisce gli insetti caduti e ne consente la cattura.

Il materiale raccolto viene cartellinato e fissato in alcool 75°.